Come garantire la sicurezza nel cloud computing

cloud-computing

Il cloud computing si è evoluto notevolmente nel corso degli anni. I recenti sviluppi nel cloud hosting e nelle misure di sicurezza hanno garantito una crescita importante del settore. Allocando le risorse in base all’efficienza, il cloud hosting offre un’infrastruttura efficiente e sicura su base flessibile. Tuttavia, per mantenere la sicurezza dei dati nel cloud e delle applicazioni, è necessario prendere in considerazione alcune misure.

3 consigli per la sicurezza dell’hosting cloud per la vostra azienda

Il cloud computing è diventato uno standard per le aziende di tutte le dimensioni. Offre una serie di vantaggi, tra cui la riduzione dei costi, una maggiore scalabilità e flessibilità. Ma pone anche nuove sfide di sicurezza che devono essere affrontate dalle aziende che utilizzano i servizi cloud.

Utilizzare la crittografia

Se utilizzate un servizio cloud pubblico come Amazon Web Services o Microsoft Azure, assicuratevi che tutti i dati siano crittografati prima di essere trasmessi da e verso i server cloud. In questo modo si garantisce che le informazioni archiviate nel cloud rimangano private anche se esposte a potenziali violazioni o furti durante la trasmissione. La crittografia può essere effettuata a riposo (sul server) o in transito (durante la trasmissione). Entrambe sono ugualmente importanti.

Eseguite regolarmente valutazioni del rischio

Valutate la vostra esposizione al rischio prima di trasferire i dati nel cloud, in modo da sapere di quanta sicurezza avete bisogno e dove spendere le vostre risorse in modo più efficace.

Questo aiuterà a prevenire le perdite accidentali e i furti e le perdite intenzionali dovuti a tentativi di hacking o di infezione da malware sui computer/dispositivi degli utenti finali o anche da parte dei dipendenti stessi che potrebbero avere accesso a dati sensibili durante lo svolgimento delle loro normali mansioni lavorative all’interno degli ambienti dell’infrastruttura di rete dell’organizzazione.

Monitorare la conformità del fornitore

Alcuni settori richiedono che i fornitori di cloud siano conformi a normative specifiche, come i servizi finanziari o la sanità. Assicuratevi che il vostro provider soddisfi questi requisiti prima di iniziare a utilizzare i suoi servizi. In questo modo si potrà garantire che il provider si adoperi attivamente per proteggere i vostri dati da attacchi informatici e altre minacce.

Utilizzare l’autenticazione a due fattori (2FA)

Per una maggiore sicurezza, molti provider di cloud consentono di utilizzare l’autenticazione a due fattori (2FA), che richiede agli utenti di verificare la propria identità con qualcosa che conoscono (come una password) e che possiedono (come un’applicazione sul telefono). In questo modo è molto più difficile per gli hacker accedere al vostro account perché, anche se hanno la vostra password, devono comunque accedere al vostro telefono o a un altro dispositivo su cui è installata l’app 2FA.

Le esigenze imprescindibili di sicurezza nel cloud

La sicurezza è una preoccupazione fondamentale per molte organizzazioni che stanno considerando il cloud computing. Il cloud rappresenta un’opzione interessante per molte organizzazioni, che però devono essere sicure che la sicurezza dei loro dati sia protetta.

Il cloud può essere sicuro se si seguono i seguenti passi:

  • Comprendere i rischi dell’utilizzo del cloud
  • Scegliere un fornitore affidabile
  • Proteggete i vostri dati con crittografia e password forti.
  • Testate regolarmente il vostro sistema
  • Assicuratevi che i dipendenti capiscano come utilizzare la tecnologia in modo sicuro.

In conclusione

In definitiva, gli utenti dovrebbero avere una chiara comprensione del livello di sicurezza richiesto per i loro dati e le loro applicazioni. Ciò consentirà loro di prendere una decisione informata in merito al cloud hosting. Devono inoltre assicurarsi che il fornitore di servizi abbia una buona politica di sicurezza e che sia in grado di fornire aggiornamenti periodici sugli investimenti e sulla gestione dei propri sforzi di sicurezza.

partita iva web marketing Previous post Web marketing serve la Partita Iva e quanto costa aprirla?