Ascesso dentale: quante tipologie esistono?

ascesso dentale

Come abbiamo già detto in precedenza, un ascesso dentale è un accumulo localizzato di pus che si manifesta nella gengiva. Esistono diversi tipi di ascessi dentali a seconda della loro origine: l’ascesso parodontale e l’ascesso periapicale.

Gli ascessi dentali, conosciuti anche con il nome di flemmoni, sono una malattia molto comune del cavo orale e si distinguono per essere particolarmente dolorosi.

È di vitale importanza conoscere la causa che lo origina poiché questo dato influenzerà in modo determinante il tuo trattamento nelle cliniche dentali della tua zona.

Perciò, con l’obiettivo di continuare ad ampliare le tue conoscenze su questa condizione, parleremo di seguito dei diversi tipi di ascessi dentali.

Quali sono i tipi di ascesso dentale esistenti?

Sono una patologia che può derivare da un’ampia varietà di cause. Ad esempio possono presentarsi a causa di una parodontite, di una carie avanzata che colpisce la polpa dentale, un’infezione dentale o alcuni tipi di fratture.

A seconda della causa che lo origina, esistono diversi tipi di ascessi dentali. Possiamo riassumere l’ascesso parodontale causato da problemi alle gengive e l’ascesso periapicale causato da un problema al dente.

Ascesso parodontale

L’ascesso parodontale è il risultato di una malattia parodontale non trattata in precedenza. Questa è un’infezione che può rimanere attiva mentre si diffonde dalla radice del dente all’osso.

Provoca un’ampia varietà di sintomi come infiammazione, dolore intenso o febbre

Ascesso periapicale

L’ascesso periapicale si manifesta in modo estremamente doloroso a causa di una carie dentale molto profonda e che interessa il nervo, che ovviamente non è stata opportunamente trattata in precedenza.

Appare a causa di una cavità molto profonda e avanzata che interessa il nervo del dente, oppure compare dopo un trauma dentale.

Ora che abbiamo sommariamente descritto entrambi i tipi di ascessi dentali, indipendentemente da come si sviluppino nel cavo orale, è chiaro che siano infezioni che possono essere molto dannose se non trattate per tempo.

E quindi è necessario agire di conseguenza: diventa essenziale visitare periodicamente il dentista in modo che possa sottoporti a un trattamento basato sul tuo caso specifico.

Se hai problemi ai denti di questo tipo, o si sintomi ti possono far pensare che abbia contratto questa patologia, consulta immediatamente i dentisti delle cliniche dentali della tua zona, sapranno consigliarti al meglio.

Quali sono i pericoli degli ascessi dentali?

Uno dei principali pericoli di avere un ascesso dentale è la perdita dei denti. Ed è per questo che si consiglia di visitare urgentemente il dentista di fiducia per trovare una soluzione efficace che permetta di salvare il dente colpito.

D’altra parte, va notato che la perdita dei denti non è l’unica conseguenza che può causare il flemmone.

Poiché questa infezione può anche diffondersi all’osso mascellare o causare un’infezione dei tessuti molli. Come la cellulite facciale o l’angina di Ludwig, essendo questa una malattia caratterizzata dalla comparsa di febbre e deviazione delle pareti della laringe.

Infine, non possiamo dimenticare che un ascesso dentale può causare un’infezione del sangue poiché esiste la possibilità che i batteri passino attraverso il flusso sanguigno.

Insomma, è chiaro che siamo di fronte a una patologia molto comune e che necessita di cure odontoiatriche urgenti per evitare ogni tipo di conseguenza per la salute sia orale che generale.

Occorre tenere d’occhio anche eventuali allergie ai farmaci, poiché nel 90 per cento dei casi di ascesso viene prescritto dal dentista un antibiotico, e se non è a conoscenza di una intolleranza ad un farmaco le conseguenze potrebbero essere anche molto gravi.

Quali antibiotici vengono usati dai dentisti per l’ascesso dentale?

Penicillina vk. È una penicillina derivata dal fenossimetile. Penicillina vk è il nome commerciale di penicillina v. La k nel suo nome si riferisce all’aggiunta di potassio che gli conferisce una migliore solubilità e assorbimento nell’organismo. Agisce inibendo la sintesi della parete batterica.

Questo antibiotico è considerato sicuro durante la gravidanza. Viene assorbita molto bene nel tratto gastrointestinale e si distribuisce nell’organismo, per essere poi escreto dai reni.

Inizia con una dose di attacco orale di 1.000 mg, seguita da 500 mg ogni sei ore per un periodo da sei a dieci giorni. Nelle infezioni gravi, può essere somministrata una dose ogni quattro ore.

Amoxicillina con acido clavulanico. L’amoxicillina è una penicillina semi-sintetica sensibile alla penicillinasi.

Previene la corretta formazione delle pareti cellulari nei batteri, provocando in ultima analisi la morte del microrganismo. Il suo utilizzo deve essere evitato durante la gravidanza, a meno che non sia ritenuto essenziale dal medico. L’ amoxicillina con acido clavulanico è la causa più comune di epatotossicità.

Le dosi sono 875 mg / 125 mg ogni dodici ore per un periodo da sette a dieci giorni o 500 mg / 125 mg ogni otto ore per lo stesso periodo. Nei pazienti con insufficienza renale, la dose di amoxicillina viene ridimensionata. È stabile in un mezzo acido, quindi il cibo non interferisce con l’assorbimento dell’antibiotico.

come vincere 30 euro giorno Previous post Come vincere 30 euro al giorno, un sogno che diventa realtà